CIO’ CHE FACCIAMO, LO RACCONTIAMO

Magazine

Non è un mondo per vecchi: meno esportatori ma più export

Export

Il celebre romanzo di Michel Serres parla di una rivoluzione nel sapere e nella sua dislocazione: i numeri dei rapporti di SACE e ICE, leggendoli attentamente, evidenziano una nuova realtà già iniziata.

Stiamo parlando di come, nonostante il recupero dell’export ai livelli pre-Covid ed un incremento del valore del Made in Italy dell’11%, gli operatori siano calati dell’8%.

Le cause della scomparsa e nuove strategie

Diventa fondamentale, in questa situazione, capire a pieno cosa significa fare export e quali sono i rischi che si corrono senza una strategia veramente solida.

Oggi dai numeri e dai trend dell’export possiamo ricavare 5 importanti conclusioni:

– si sono rafforzate le imprese che già avevano una posizione solida;

– fanno export le aziende che hanno avviato progetti pluriennali;

– scompaiono le imprese che fanno export in modo saltuario;

– si amplierà il divario di competitività tra chi fa già export e chi invece deve ancora partire;

– le imprese con una propensione all’export che va oltre il 50% sono quelle che hanno posizioni forti e stabili sui mercati internazionali.

I mercati internazionali rappresentano per le imprese italiane una grande opportunità e il Made in Italy, ancora oggi, ha un valore e un potenziale immenso. Prima però di muoversi nella direzione dell’internazionalizzazione o del digital export sarà importantissimo valutare le tendenze già avviate.

Ecco quindi 3 strategie da tenere in assoluta considerazione per poter avviare o consolidare la propria forza nell’export:

Non perdere tempo. Se la tua impresa ancora non sta esportando allora fai attenzione: il divario tra chi è già sul mercato e chi invece deve ancora entrare è già ampio, non esitare. Se invece la tua impresa sta già esportando allora impegnati per consolidare rapidamente la posizione ed alzare quindi le barriere all’entrata per i futuri competitors

– Costruisci progetti continuativi. Per entrare e consolidarsi sui mercati internazionali è necessario costruire piani pluriennali e fare investimenti mirati. Chi parte senza una strategia di medio lungo periodo rischia di essere estromesso molto presto.

– Affidati a consulenti davvero esperti. Octagona in 20 anni di attività ha seguito con successo più di 750 progetti di internazionalizzazione sostenendo le imprese nel superare ostacoli e difficoltà, grazie all’esperienza del proprio team e alle competenze acquisite.

Vuoi fare export o dare nuovo vigore ai tuoi piani internazionali già avviati? Allora contattaci, e studieremo insieme la migliore soluzione per il tuo business.

Se vuoi approfondire il contenuto di questo articolo