CIO’ CHE FACCIAMO, LO RACCONTIAMO

Magazine

Export e trasformazione digitale: il futuro delle PMI italiane

digitalexport

E’ da diversi anni ormai che si sente parlare di Digital Transformation, soprattutto legata agli attori coinvolti nei sistemi economici di tutti i Paesi. 

La trasformazione digitale viene intesa come un insieme di cambiamenti prevalentemente di natura tecnologica, culturale, organizzativa, sociale e manageriale, da effettuarsi attraverso soluzioni digitali, che dovrebbe attraversare tutti gli aspetti della società umana.

Questo tipo di cambiamenti hanno un forte impatto sulle imprese, soprattutto per le PMI, che spesso si trovano ad affrontare questa trasformazione radicale senza una strategia pianificata a lungo termine e senza le giuste competenze e strumenti, non riuscendo a sfruttare il grosso potenziale che il digitale offre. 

Nell’ultimo periodo è emerso chiaramente il gap delle piccole e medie imprese italiane in confronto alle loro pari europee e in confronto alle imprese più grandi. Secondo uno studio dell’Osservatorio Innovazione Digitale PMI del Politecnico di Milano, iI gap digitale tra le PMI italiane e la media europea si attesta infatti al 37%. 

Nel momento storico che stiamo vivendo il digitale diventerà l’elemento cardine per l’export e per la ripartenza degli scambi internazionali. Il lockdown ha contribuito infatti in modo significativo alla crescita degli acquisti online soprattutto per quelli effettuati attraverso sistemi di ecommerce, marketplace e social network

E’ evidente quindi la necessità e l’urgenza di sviluppare delle politiche e degli interventi mirati che supportino la trasformazione digitale delle PMI, cardine della nostra economia. Digitalizzare le PMI italiane significherebbe dare un forte slancio alla ripresa della nostra economia e sfruttare il periodo drammatico che stiamo vivendo come un punto di svolta per innovare il nostro tessuto imprenditoriale.

Il Governo italiano assieme al MISE ha dato ultimamente dei segnali molto forti sulla direzione innovativa che si vuole dare alle imprese e alla pubblica amministrazione, grazie anche agli aiuti che arriveranno dall’Unione Europea.  

Con l’intento di rilanciare il Made in Italy è stato sviluppato recentemente il cosiddetto “Patto per l’Export”, nel quale grande importanza è stata data alla digitalizzazione delle attività commerciali delle PMI, attraverso partnership con importanti piattaforme internazionali, affiancamento di nuove figure specializzate nel Digital Export e attraverso la partecipazione delle imprese a fiere e incontri B2B virtuali. 

Il Mise ha promosso inoltre numerose iniziative come la piattaforma “Strategia Digitale – Laboratorio per il futuro”, dove vengono inserite una serie di progetti e contenuti sulle politiche digitali promosse in ambito di tecnologie emergenti, banda ultra larga e innovazione digitale

Tra le ultime novità segnaliamo il bando per la Digital Transformation che, con uno stanziamento di 100 milioni di euro, si pone nell’ottica di sostenere la trasformazione tecnologica dei processi produttivi delle PMI.

Ricordiamo a tutte le imprese interessate che si potrà presentare la domanda per il bando a partire dal 15 Dicembre.

Se vuoi approfondire il contenuto di questo articolo