CIO’ CHE FACCIAMO, LO RACCONTIAMO

Magazine

Trasferimento tecnologico in India: un modello efficace di internazionalizzazione

Il mercato Indiano segue da anni un trend in netta espansione e, nonostante le difficoltà registrate dal Paese nel periodo Covid, le prospettive di crescita nel medio periodo rimangono ottimistiche. Le previsioni vedono l’India diventare uno dei principali player a livello globale nei prossimi anni.

Nell’ottica di favorire gli scambi commerciali tra l’Italia e l’India, il 6 Novembre si è tenuto il Virtual Bilateral Summit, con il quale il Primo Ministro indiano Modi e il Presidente del Consiglio italiano Conte hanno firmato una serie di accordi in alcuni campi strategici, come per esempio la promozione di investimenti a doppio senso in settori come la green economy e l’economia circolare, la produzione farmaceutica, il food processing e la manifattura avanzata, dato l’alto grado di complementarietà tra le due economie.

In tale contesto, l’India non può più rappresentare solo un’opzione nelle strategie di espansione, ma un percorso quasi obbligato per la continuità del business internazionale delle PMI Italiane. 

Scegliere la giusta strategia di entrata può influenzare i risultati attesi dalle imprese nell’approccio al mercato estero. Solitamente, le aziende possono decidere di intraprendere un percorso di espansione tramite l’export, gli investimenti diretti o il trasferimento di tecnologia.

Il trasferimento tecnologico risulta essere una tra le soluzioni più adatte per le piccole e medie imprese interessate ad un primo graduale approccio in un mercato complesso come quello Indiano. 

Questa forma di collaborazione implica esclusivamente un trasferimento di esperienze e informazioni dall’impresa italiana a quella indiana, evitando la costituzione di un’entità giuridica separata. Il trasferimento tecnologico può semplificare il processo di internazionalizzazione delle imprese nel breve periodo, se inserito però in una strategia a lungo termine.

Le azioni di trasferimento del know how permettono infatti un accesso iniziale nel mercato senza investimenti significativi e un primo sviluppo del brand, e possono servire come base per una successiva fase di investimento diretto nel Paese target.

Le aziende Indiane hanno una percezione estremamente positiva dell’efficienza e del know how “Made in Italy” e sono alla continua ricerca di nuove tecnologie. Ciò rappresenta sicuramente un punto di forza del trasferimento tecnologico, soprattutto in relazione all’ingresso nel mercato indiano da parte delle aziende Italiane. 

Esempio di successo targato Octagona è il caso di Moss Srl, azienda di Reggio Emilia che dal 1967 progetta e produce macchine automatiche per le diverse tipologie di stampa applicate al packaging. 

L’azienda si è affidata ad Octagona per attivare una presenza diretta sul territorio indiano dando vita ad un accordo di trasferimento tecnologico con un partner che permetterà di produrre macchine in loco, aumentando in questo modo la competitività ed abbassando i costi sul Paese senza rinunciare alla qualità del prodotto.
Per saperne di più sul nostro Case History Clicca qui !

Per tutte le imprese interessate all’India si segnalano inoltre due eventi:

Il Webinar organizzato da Trace per il 12 Novembre dalle 15 alle 16 “Import-Export: strumenti, rischi ed opportunità in India”, dove si analizzeranno gli strumenti più adeguati per la gestione del rischio nel mercato indiano e l’evoluzione della strategia commerciale nel Post-Covid. Alessandro Fichera, Managing Director di Octagona, interverrà portando all’attenzione concreti casi di sviluppo commerciale in India, grazie alla sua pluriennale esperienza sul mercato. Clicca qui per registrarti!

Il Webinar “ Obiettivo India: opportunità per le imprese dell’Emilia Romagna”, che si terrà Lunedì 16 Novembre 2020 dalle ore 10.30 alle 12.30. Durante l’evento, organizzato dall’Ambasciata d’Italia in India in collaborazione con la Regione Emilia Romagna, verranno illustrati gli strumenti nazionali e regionali a favore dell’internazionalizzazione delle imprese, con un focus sulle opportunità nel mercato indiano. Clicca qui per registrarti!

Se vuoi approfondire il contenuto di questo articolo